Atti persecutori: eseguita dai carabinieri un’ordinanza che dispone la misura cautelare

Provincia di Bologna: I Carabinieri della Stazione di Mordano (BO) hanno eseguito un’ordinanza che dispone la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, richiesta dalla Procura della Repubblica di Bologna ed emessa nei confronti di un 43enne italiano, indagato per atti persecutori. La misura cautelare è stata emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna che dopo aver esaminato la richiesta del Pubblico Ministero che ha coordinato le indagini, l’ha condivisa pienamente. Le indagini sono scaturite dalla querela che una studentessa maggiorenne, aveva recentemente presentato ai Carabinieri, dicendo di essere stata costretta a cambiare le abitudini di vita per sfuggire dalle condotte persecutorie del suo vicino di casa che aveva iniziato a controllarla e pedinarla per convincerla a iniziare una relazione sentimentale che lei aveva respinto. Sordo a qualsiasi rifiuto della ragazza, il presunto responsabile ha continuato a tormentarla al punto da spaventarla e costringerla a passare la notte altrove e a valutare di cambiare la residenza, temendo che prima o poi le sarebbe accaduto qualcosa. Rintracciato dai Carabinieri, il 43enne è stato sottoposto alla misura cautelare del Giudice.

Comando Provinciale Carabinieri Bologna

  • Le proposte di Reggini Auto