Rapinata una sala scommesse a Misano, arrestati dai carabinieri i due autori

Durante le prime ore di questa mattina, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Riccione e della Stazione di Misano Adriatico hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due uomini, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Rimini su richiesta della locale Procura della Repubblica, gravemente indiziati dei reati di rapina e di porto di arma da fuoco: si tratta di un 29enne straniero e di un 47enne.

Le indagini dell’Arma  hanno preso le mosse dalla rapina commessa lo scorso 10 aprile in danno di un Centro scommesse misanese: verso le dieci di sera, due individui, con il volto travisato da dei passamontagna, erano entrati all’interno del locale e, sotto la minaccia di una pistola, avevano costretto il titolare a consegnare loro l’incasso. Ottenuta in questo modo la somma di oltre 5.400 euro, i rapinatori si erano dati alla fuga  a bordo di un grosso BMW.

Il conseguente intervento dei militari dell’Arma, a seguito della segnalazione fatta pervenire al 112 dalla vittima, dava il via alla serie di operazioni tecniche e di approfondimenti investigativi che permettevano di ricostruire un quadro indiziario consistente a carico dei due soggetti oggi arrestati.

Espletate le formalità di rito, il 29enne è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Rimini, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria locale, mentre il 47enne veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la sua abitazione in Rimini.

  • Le proposte di Reggini Auto